A+ A A-

L’ordinanza del 30 settembre scorso, con la quale il sindaco di Corato Massimo Mazzilli ordinava ai proprietari del suolo in cui insiste la ex discarica di via Belloluogo di rimuovere e smaltire i rifiuti, di provvedere al ripristino delle normali condizioni igienico sanitarie ambientali e strutturali dell’area in questione ed alla messa in sicurezza dell’area, è stata sospesa dalla sezione prima del Tar Puglia.

I proprietari, assistiti dagli avvocati Domenico Tandoi e Marco Lancieri, avevano impugnato di fronte al tribunale amministrativo l’ordinanza del sindaco, ottenendo la sospensione del provvedimento almeno sino al 18 novembre, data in cui i giudici amministrativi si riuniranno in camera di consiglio per la trattazione del caso.

Nel decreto del TAR si legge testualmente: «Ritenuto che l’istanza di misure cautelari inaudita altera parte formulata dai ricorrenti debba essere accolta sussistendo i presupposti di legge (estrema gravità ed urgenza in considerazione del notevole costo delle opere e delle conseguenze penali derivanti in caso di inosservanza dell’ordinanza)».

Con lo stesso decreto il TAR ha poi disposto che la stessa Amministrazione comunale, in via provvisoria, al fine di tutelare la salute pubblica e la salvaguardia ambientale, adotti «adeguate misure temporanee di messa in sicurezza del sito».

Intanto la famiglia proprietaria dei suoli sui quali insiste la discarica, per la prima volta si esprimono sulla questione affidando il loro commento all’avvocato Domenico Tandoi.

«Siamo stati ingiustamente accusati di essere i responsabili del degrado dell’area e della mancata bonifica. Eppure sono vent’anni che abbiamo insistito, anche attraverso denunce alla Procura, al Comune e a tutte le autorità chiedendo di venire sul posto e guardare le condizioni dei luoghi. Oggi ci viene chiesto di provvedere a delle mancanze di altri, sommatesi nel corso degli anni. I primi a sperare che la discarica non sia una bomba ecologica siamo noi, che quotidianamente lavoriamo a pochi passi da quel sito, di cui non abbiamo il possesso da anni». (Lostradone.it - 28/10/2015)

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GUARDIE PER L'AMBIENTE
Viale Vitt. Veneto n°77 - 70033 Corato (BA)
Tel. 080/2146705 - Fax 080/2142405 - Cell. 346/6742777
www.guardieperlambiente.it - nazionale@guardieperlambiente.it
Posta Elettronica Certificata (PEC): guardieperlambiente@pec.it

 

Copyright © 2002 - 2018 | Guardieperlambiente.it

Area RISERVATA

Gli utenti accreditati possono da qui
accedere alle informazioni riservate.


Se non si dispone delle credenziali assegnate, bisogna abbandonare l'area.
Open Chat
1
Grazie per la visita. Puoi anche comunicare con noi in tempo reale mediante la chat di facebook. Inviaci da qui il tuo messaggio!

AVVIA