×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42

Interventi

10/07/14

Salvato un Rondone

Corato (BA) - Sembrava morto. Sembrava. Un piccolo Rondone (Apus apus) è stato recuperato in fin di vita e trasportato a Bitetto (BA) al Centro Recupero Selvatici dell'Osservatorio Faunistico regionale dalle Guardie per l'Ambiente intervenute per salvare questo piccolo uccello, che è solito nidificare nei sottotetti anche delle case nel centro urbano.

08/07/14

Pappagalli "clandestini" sequestrati in un negozio

CODOGNO (MI) - Due pappagalli sequestrati, una denuncia per maltrattamento di bovini, cure e liberazione per alcuni ricci. E' il bilancio del lavoro portato avan­ti  nelle ultime e due settimane dal­le Guardie per l'Ambiente, nucleo provinciale di Lodi con sede a Maleo e possibiltà di intervenire in tutta la Provincia di Lodi.

06/06/14

Investito e abbandonato per strada

Un altro cane randagio è rimasto vittima di un automobilista che, dopo averlo investito, non si è preoccupato di chiamare i soccorsi. E’ accaduto su via Castel del Monte, all’incrocio con viale della Primavera. A segnalarlo sono le Guardie per l’ambiente.

12/05/14

'START APPULA' nel progetto "NON RIFIUTIamoci"

GRUMO APPULA (BA) - Sabato 10 maggio i ragazzi di Start Appula, in collaborazione con le GUARDIE PER L'AMBIENTE e alcuni cittadini volontari, hanno aderito alla campagna "Let's clean up Europe" lanciata dalla Commissione Europea con il progetto "Non RIFIUTIamoci".

26/04/14

Abbandono di Pneumatici usati. Fare in fretta per evitare roghi tossici

Corato (BA) - Abbandonate diverse decine di pneumatici nel parco nazionale dell'Alta Murgia. Il nucleo di tutela ambientale e animale delle Guardie per l'Ambiente si è immediatamente attivato sulla scorta della segnalazione di un cacciatore che li nei pressi ha una casa rurale a servizio dei propri terreni.

13/04/14

Verbale penale per oltre 50.000 euro per i “furbetti del quartiere”

Il Tribunale di Trani - nella persona del Giudice per le Indagini Preliminari dott. Francesco MESSINA - ha spiccato un pesantissimo Decreto penale di condanna per oltre 50.000 euro a carico dei due sporcaccioni sorpresi dalle Guardie per l'Ambiente nell'agosto 2013 mentre si disfacevano dei rifiuti provenienti dalla propria autofficina.